Ho fatto le raviole!



La raviola è un biscotto con la mostarda, tipico di Bologna e di altre zone emiliane (e forse anche altre città italiane...ma ditemelo voi...) e preparato storicamente il giorno di San Giuseppe, il 19 marzo.
Per me la raviola, assieme alla torta di riso, è anche il dolcetto dell'infanzia, dell'adolescenza, della maggiore età. Le raviole me le preparava la Nonna "Mrs. Stravaganza" Pina. Lo sarà della vecchiaia. E' un dolcetto semplice, ma non l'avevo mai preparato. Poi mi si è accesa una lampadina....ho visto delle cose carine, ho sognato un po' ad occhi aperti...e mi son detta. Beh, se voglio arrivare dove voglio, comunque devo cominciare col farle queste raviole!
E' una storia un po' misteriosa...lo so...ma, come ho scritto sul bigliettino d'auguri della fine dell'anno... spero che i nostri sogni non rimangano segreti.
Per le raviole non ho usato la mostarda, però. Figuriamoci se con un "biscotto" che ti permette una farcitura, mi limito a una sola scelta. E così ho mischiato una marmellata alle fragole di Rinaldini un po' troppo compatta e una di ciliege di Bonne Maman, con le ciliege intere (senza nocciolo naturalmente): Per le altre, avevo un fondo di una marmellata di fichi Santa Rosa (sì, un po' collosa...ma diluita va bene) che ho unito a purea di zenzero. E ho sostituito il burro con la soya provamel.

PS: mentre scrivo la mia ricetta delle raviole bolognesi leggo che la parola kebab è diventata d'uso comune nel nostro vocabolario. Il mondo va avanti.




La raviola bolognese

farina "0" 200 gr
burro-soya Provamel 100 gr
zucchero bianco 100 gr
uova 1
marmellata a piacere e qb
sale qb

Unisco la farina, il burro, lo zucchero, l'uovo e il pizzico di sale. Stendo la pasta col mattarello ottenendo uno spessore non troppo sottile (ma lo capirete voi) e con un coppapasta (io ho usato questo) creo dei tondi su cui spalmo la mostarda o marmellata. Poi chiudo la raviola con le dita. La cosa carina è che se avete lo stampino per fare i gyoza (tortelli cino-jap) o i nostri panzerotti (si acquista anche nei negozi 99 cent) ...potete appoggiare il tondino ripieno e chiudere in due. Raviola...biscotto international.
Ok...a questo punto adagio le ravioline sulla leccarda ricoperta di carta forno e cuocio a 180 per 20 min circa. E' anche bello quando un po' di marmellata esce dai buchini-ditati...





Commenti

  1. ti invito a partecipare al nostro primo giveaway!!
    Staff di Cà Versa

    RispondiElimina
  2. le raviole.... la mia mamma ne fa delle sfornate a manetta e mio padre, che le dà una mano, ne mangia metà... dice che deve assaggiare che siano buone!! ^__^

    RispondiElimina
  3. Le raviole mi ricordano la mia infanzia, la nonna Annita che le preparava e io che le stavo attaccata alle costole per paura che i miei mille cugini le mangiassero prima di me... le amo da morire, sei unika come sempre.
    Bacio raviolina

    Blue
    www.aspassoconblue.com

    RispondiElimina

Posta un commento

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea