Puntarelle perfette al melograno in agrodolce


Ier sera è andata in scena il party inaugurale di Set Up, la fiera d'arte contemporanea indie che per tre giorni, fino a domenica 27, vi accoglie dalle 6 del pomeriggio all'una di notte. E' stato bello vedere questo nuovo progetto che ho visto nascere, finalmente espresso al 100%. Una macchina perfetta che racconta di come tre giovani curatori e critici under 35 possano creare una manifestazione tanto matura. Naturalmente mi sono emozionata a vedere le sale piene, la gente entusiasta, tante opere d'arte molto belle, i curatori, i galleristi, gli artisti, con quella scompostezza meravigliosa (si potrebbe leggere semplicemente affabilità) che può avere chi è sì entrato nel sistema, ma a modo suo.
Una bella iniezione di energia e creatività. Alla quale segue l'idea di oggi per il mio pranzo, perché sarò a casa a scrivere e voglio regalarmi una delicatezza. Queste puntarelle, con un dressing specialissimo fatto dalle manine dell'amica Veronica: chicchi di melograno in agrodolce sotto balsamico. Vi assicuro, per me, la delicatezza dell'inverno. La ricetta e la storia è qui nel suo blog, ma la riporto anche sotto.



le puntarelle sono venute perfette grazie a questo telaio che si acquista a roma oppure su questo sito. Con l'attrezzo giusto (a me l'ha prestato un'amica) vi verrà la vera puntarella romana che mettrete in acqua e ghiaccio (ma va bene anche acqua freddissima) per farla arricciare. Poi la cospargete di melograno e servite


Melograno in agrodolce di Veronica Frison

Chicchi di melograno
Scalogno tritato, a seconda dei gusti
Aceto balsamico quanto basta a coprire i chicchi
Olio di oliva

Preparazione:
Non ci sono dosi in questa ricetta, ma veramente è perchè è talmente semplice e modellabile a seconda del proprio gusto, che non ne necessitano. Sbucciate le melagrane, mettere i chicchi in una ciotola capiente insieme agli scalogni tritati e versarci sopra l'aceto balsamico. Lasciare marinare per tre orette circa, con un coperchio chiuso, e rimescolare spesso. Aggiungere alla fine l'olio d'oliva e rimescolare. Versare poi il contenuto dei vasetti nei barattoli di vetro e riporli in dispensa al buio fino al giorno in cui non li consumerete. Facile, no?
Vi assicuro che il risultato è sorprendentemente buono.



Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. che ne penso? che lo strumento è geniale e che mi è venuta voglia di insalata di puntarelle!!!!!!
    good idea Bebe :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trovo anche io che sia una genialata! e il sito del signor Mario Puntarelle lo è ancora di +! prossimamente alle pirottine facciamo le puntarelle...o una merenda al sabato pomeriggio!

      Elimina
    2. niente..Mario è un mito....per comodità ho già dato il compito a una mia amica che è a Roma in total cazzeggio...la prossima settimana sarà mio! :)

      Elimina
  3. Risposte
    1. la soddisfazione di fare puntarelle così perfette è pari a...boh ci penso! difficile eguagliare tanta gioia (dai esagero un po'!)

      Elimina
  4. questo strumento è fantastico, secondo solo al mio personal dildo...eheheheheh
    Bebe you are my sunshine!!!
    PS: ma ieri sera dove ti nascondevi?tra tele e sacchettini di yogurt greco????
    Spero di vederti presto, smack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah...questo commento poteva essere solo della Funkyz! cara, ieri sera ero in giro che lavoravo (per davvero) e non sono riuscita ad assaggiare nulla se non due pistacchi 2 e qualche streghina...sembrava di essere sulla giostra!!! buona giornata funkyzzima!

      Elimina
  5. Ciao Bebe ! che strumenti particolari,non so come fare... vorrei tutto e di più "! Ma certi oggetti aiutano aiutano...Ciao carissima, complimenti per le belle manifestazioni che frequenti e per questa salsina di melograno al balsamico !!!! Un abbraccione !

    RispondiElimina

Posta un commento

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea

Post più popolari