Trattoria Collegio di Spagna, tortelloni e pianoforte


Chiudo la settimana "apranzo" con un'idea per il pranzo del sabato. E dico anche che se ce l'avessi vicino a casa sarebbe di sicuro la trattoria di quartiere dove andare a farsi un bel piatto di tortelloni e un bicchiere di vino. Ma Collegio di Spagna, come dice il suo nome, si trova appunto in centro e quindi in altra zona della città. E comunque io non mi lamento, perché vicino a casa ho alcuni insediamenti gastronomici che mi soddisfano e dove posso andare in maniera casual e spendendo il giusto per un pranzo. Quali sono le mie trattorie? Beh, ad esempio il ristorante cinese Pagoda (le abitudini cambiano anche per noi bolognesi), che mi basta attraversare la strada per essere seduta a una tavola molto amichevole. Un po' più in là su via Fioravanti c'è Nonna Aurora con le sue Golosità e proprio di fronte la Taverna delle Ruspe. Se mi sposto verso il ponte Matteotti c'è anche la Trattoria di Via Serra...e insomma, da queste parti ci trattiamo molto bene. Detto questo, composta una piccola guida bologninense - che non perdo mai l'occasione - torniamo a bomba... siamo di nuovo in via Collegio di Spagna e ci troviamo in una sala da pranzo dal sapore accogliente, confortevole, caldo. Ci manca solo il menu, ma a leggere quello ci mettiamo davvero poco.


il pranzo del sabato per me non è pesante, un piatto di tortelloni, un calicino di vino e una torta di riso, un ambiente raffinato e accogliente, nemmeno 20 euro

Trattasi infatti di menu minimalista all'insegna del "meno è più". Quattro primi (tagliatelli, gnocchi, tortelloni, tortellini in brodo) con fuori programma giocati attorno. Il mio è stato il tortellone ricotta squacquerone (mai visti così piatti come la tesa di un cappello da diva del muto)...ma del resto, quando sento pronunciare questa parola con due"q" mi esalto. I secondi, detti "altri patti", prevedono 16 pietanze tra secondo, antipasti e contorni, con una buona rappresentanza della nostra tradizione. Ci sono le crescentine, c'è la polenta grigliata. Poi la costata di manzo, il roast beef, il friggione con le uova, le zucchine ripiene e la cotoletta bolognese, che ha scelto Bea. Infine una buona rappresentanza di dolci tra cui la squisita torta di riso. Prezzi assolutamente seducenti (i primi sui 7 euro a parte i 10 dei tortellini), una cotoletta 12 euro, una torta di riso 4 euro. Pane e acqua filtrata compresi nel coperto da bianca e candida tovaglia in stoffa 2 euro. Da bere un calice di Sangiovese. Il tutto incorniciato in un ambiente raffinato, coi tavoli in legno, la credenza e l'atmosfera da casa borghese. E, gran finale, concertino per piano del figlio dei proprietari. Ma il piano, a dire il vero, è lì per chiunque lo voglia suonare. Preferibilmente a fine pasto!

Trattoria Collegio di Spagna
via Collegio di Spagna 15
0516448825
aperto pranzo e cena e chiuso la domenica e il lunedì

Commenti

  1. Vista subito, appena aperta.
    E' una zona quella sopra la piazza Maggiore che conosco come le mie tasche, vuoi per il lavoro da Cesari, vuoi che il primo anno a Bologna io abitavo proprio li', fra Collegio di Spagna e la Copisteria, sopra le aule del DAMS. E' una delle zone più belle secondo me.
    Sono stata subito, con Adorabile, e ci è piaciuta molto molto, sia per qualità, ambiente, sia per prezzo. E ora che me lo dici (io mi sono persa il concerto del figlio) potrei portare il mio CV come pianista, o chessò, ho un'idea ancora più bischera =D

    RispondiElimina
  2. stata con l'adorabile??? ma io voglio conoscerlo!!!

    RispondiElimina
  3. cara, ci sono stata ieri sera. Carne eccezionale (roastbeef e costata, entrambi, la seconda davvero ottima come carne e perfetta come cottura; anche le cotolettine eccellenti). gnocchi eccezionali. friggione e contorno di bietole meritevoli.dolci (torta di mele e zuppa inglese) cosi' cosi', piu' no che si. tavolo di galline urlanti di fianco, ma pazienza. conto 25 euro cad e compreso c'e' anche il benvenuto (raviole salate con ripieno di ricotta che erano proprio sfiziose) . meritevole. magari non curatissimo il menu' (veste grafica) e servizio alla buona. ma 'casalingo' nell'accezione piu' positiva del termine. ci tornero' di sicuro. magari sperando in tavoli meno urlanti.

    RispondiElimina
  4. Oilà carissima!!! (bello il tuo nick). Sì, il menu non è bellissimo e loro, per la delicatezza del posto, potrebbero averne uno più raffinato, ma questo dà anche quel tocco di trattoria old school che in una situazione così non mi dispiace. Il servizio io lo definirei severo ma smussabile: io avevo prenotato, quando siamo arrivate in due il tavolo a noi destinato non ci piaceva x niente e abbiamo chiesto se potevamo spostarci (eravamo nella saletta, non nella salona) in un tavolo meno "in mezzo" (appena si entra subito sulla dx). Il gestore inizialmente e per una manciata di secondi ha storto un po' il naso ma poi ci ha fatto accomodare gentilmente nell'altro tavolo. Ne approfitto qui per dire che se prenotate potete anche provare a chiedere un tavolo nella sala più grande o al massimo nella saletta il tavolo appena si entra in angolo sulla sinistra! grazie :)

    RispondiElimina
  5. ciao carissima ! passo di qui e ti trovo sempre in movimento tra localini trandy .... ciao un abbraccione e tantissimi auguri per l'anno nuovo !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rossella cara, buon anno! sei tornata dall'India???? bacioni

      Elimina

Posta un commento

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea