Alle porte di Bologna soffia un vento allo zafferano



Questa mattina c'è un sole talmente splendido, che ho indugiato un po' davanti alla finestrona della mia casetta bologninense, guardando il cortile, tutte le piante a riposo. Ma anche la luce che entra, che alleggerisce tutto e che, da quando qualche sera fa sono andata a vedere il Macbetto di Bob Wilson al Teatro Comunale, sembra parlarmi direttamente, pormi domande trancianti cui non so rispondere, attanagliata nella indecisione. Tipo: ma quand'è che getti un po' di cose per farmi entrare più facilmente? Ecco, ci sto pensando... sto pensando che vorrei cambiare delle cose e ragionando sul fatto che questo anno 2013, per me, sarà quello dei cambiamenti (il 2012 è servito per farmelo capire), allora mi dico che posso iniziare a cambiare anche eliminando. E facendo spazio. 
Ma cosa c'entra tutto questo con la storia che sto per raccontarvi? E' l'effetto sorpresa, come quella che mi ha fatto, trovare nella posta il messaggio di Safura, iraniana, una laurea in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale,  una grande passione per la cucina e la voglia di iniziare un viaggio di scambio culturale col nostro paese proprio da Bologna. L'11 e 12 febbraio lancerà la sua sfida culinaria per un clash gastronomico inaspettato all'Arcangelo Michele, ristorante alle porte della città, in una bellissima casa colonica.
E allora, dalla campagna arriveranno profumo di zafferano e di crespino (Zereshk-Berberis), che, udite udite, ho letto essere una pianta dalle mille virtù, le cui bacche s’impiegano per preparare gelatine, confetture e sciroppi e, dopo che hanno patito le prime gelate, messe sotto aceto, si usano come capperi. Un piccolo approfondimento per un protagonista del mondo vegetale iraniano che in Italia non è famoso quanto lo zafferano ma che, ugualmente al suo parente più prestigioso, viene usato per condire il riso Pilaf che sarà in menu nelle due cene della prossima settimana. E poi? E poi, in menu, portate a base di spiedini di carne bianca e rossa marinata allo zafferano su BBQ, il Khoresh (stufati a base di carne, legumi, frutta e verdura), Celò (Riso Basmati cucinato in modo iraniano ) e contorni a base di crema di maast (lo yogurt caratteristico dei persiani).

Per prenotazioni chiamare lo 051 261636, 051 6259784 oppure 388 4910490.    
All’Arcangelo Michele
Via Castiglia 5/D
Idice di San Lazzaro di Savena, Bologna
 




Commenti

  1. Io ti adoro Bebe!
    Non so come farei senza di te, dico davvero!

    Un abbraccio!
    Mari :-D

    RispondiElimina
  2. ma questa è una dichiarazione...;-) grazie sei carina!

    RispondiElimina

Posta un commento

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea