Pizza al taglio, quadrata o a triangolo, a ognuno la sua


pizza al taglio a Bologna, un cibo da mangiare al volo durante un pomeriggio in giro con le amiche: l'importante è sapere dove trovare la migliore
A volte mi sorprendo di me stessa. Tra le volte, quella della scorsa settimana in cui ho aperto una mia personale sfida alla pizza al taglio in città, ovvero a un cibo che già faccio fatica a mangiare una volta al mese, figuriamoci 3 giorni di fila. E questo grazie all'amica Giorgetti che mi ha fatto venire questa voglia, chiacchierando tra una conferenza stampa e un'altra, sempre all'ora di pranzo.
Insomma, volevo farmi un'idea di dove mangiare una delle cose più veloci e appaganti del firmamento gastronomico italiano, la pizza al taglio, se per caso un giorno d'inverno o di una qualsiasi stagione, mi dovesse capitare di cercare qualcosa del genere e volessi andare (certamente che lo vorrei) a colpo sicuro. Dopo 3 giorni di recherche avevo la gastrite, però, anche grazie alla compagnia di persone carine, mi sono divertita a fare questa mini-classifica tra centro + qualche strada periferica al quadrilatero. E non finisce qui, perché mi piacerebbe tanto che anche voi, amiche e amici e lettrici e lettori che non ho il piacere di conoscere "live", mi scriveste le vostre preferite.



mi è piaciuta molto la pizza Fuerte in via Riva Reno. Fatta con il lievito madre e al gusto gorgonzola, miele e scaglie di mandorle. Ecco gli ingredienti base: farina bio macinata a pietra tipo 3 (Antico Molino Rosso), lievito di pasta madre, acqua, sale fino iodato, olio extraV

La ricerca della pizza al taglio migliore del centro l'ho presa davvero sul serio. E farlo con Alessia il primo giorno, Veronica il secondo e l'Adorabile il terzo, è stato un grande spasso e mi ha permesso di scambiare alcuni punti di vista sulla questione prodotto-spazio. Opinioni che credo appartengano alla maggior parte di voi che state leggendo.
Ad esempio: perché tutti i punti per la pizza al taglio sono così orribili? Perché i colori sono arancio, verde, bianco? Perché se fanno altro rispetto alla pizza (crocchette, polpette, panzarotti, patate fritte...) devono mettere tutte quelle foto da fast food della periferia malata americana? Perché il messaggio è: non ti devi fermare più di 2 minuti? Ma per quello basta non mettere gli sgabelli. Mi viene in mente il Tramezzino in via Orefici, ci son due sgabelli, qualche bancone per appoggiarsi...ma non è che la gente, visto che il posto è molto accogliente, ci passa delle giornate... Alla pizza Fuerte in via Riva Reno, ad esempio, la pizza è fatta con il lievito madre "cresciuto" dalla coppia di titolari, le farine sono dell'Antico Molino Rosso e la pizza lievita anche 48 ore e gli ingredienti per le farciture sono molto buoni. Visto che loro vogliono fare la differenza e che cioè si capisca che lì si mangia bene, perché non fare il posto più carino? Se uno va di fretta non gli dà attenzione, pensa che sia il solito "pustaz" e si perde questa meraviglia. La pizza qui è buonissima davvero e gli abbinamenti sono spesso fantasiosi ed eleganti. Ne ho mangiata una agli spinaci che anche solo a guardarla era bella.

la Focacceria Mediterranea in Strada Maggiore è, nella mia classifica della pizza al taglio, a parimerito con Fuerte. Anche questa fatta con la pasta madre e con tutta la veracità della cucina campana: mozzarella di bufala aggiunta a fine cottura (a freddo), pummarola buona, pasta croccante (per la Margherita, una fetta 1,20 euro) e biscottosa. C'è anche la versione tonda da asporto o mangià-lì e la pizza farcita, con mozzarella che racchiude prosciutto cotto.

Ecco gli ingredienti base per la pizza Fuerte: farina bio macinata a pietra tipo 3 (Antico Molino Rosso), lievito di pasta madre, acqua, sale fino iodato, olio extraV

ho mangiato in compagnia di Alessia la pizza Due Torri (a sinistra): si presenta bene a triangoloni sui taglieri di legno. Abbiamo scelto il radicchio e mozzarella. Pizza sottile ma crosta un po' alta e cruda che non ce la fai a finirla. 1,80 euro a fetta. Poi la pizza Oro Panzerotto: fetta triangolare 1,50 euro. Spicchio di grandezza uguale alla Due Torri ma forse, per via della farcita di patate, un po' troppo unta. La crosta cotta bene si mangia quasi tutta. Alle 14,30 c'erano vari pezzi di pizza insieme tipo "avanzi" e poco ricambio.
con Veronica sono andata al Mascalzone in via Indipendenza. Sapete quella dell'ex pizzaiolo egiziano di Altero? Taglio quadrato, buona cottura, gustosa, per me meglio di Altero.IO mozzarella e funghi, Veronica patate e salsiccia.

Poi vorrei un po' più caldo (nota che mi viene da fare perché siamo a o gradi, magari in estate chissene) perché nella maggior parte è freddo e anche solo per mangiare 5 minuti di pizza con le mani congelate è dura. Per questo punto il premio va alla pizza Irnerio, che, anche nell'aspetto è la più carina di quelle visitate. Alle pareti immagini di Totò, De Sica, Ranieri come in una tipica pizzeria napoletana, perché qui fanno quella "vera". Ci sono sgabelli e bancone, puoi toglierti anche il piumino e stare 10/15 minuti tranquilla. Anche la pizza è molto ben cotta e croccante, a triangolo, tagliato da una pizza grande. L'unico neo è che venerdì, quando ci sono andata, c'erano solo due scelte senza carne, e anche un po' misere: melanzane e zucchine con pomodorini e pomodorini olive. Meglio di niente. Per i carnivori scelta a volontà. Non tanta gente e quindi ricambio non velocissimo, con vari tranci messi insieme su un tagliere, ma c'è da dire che questa lavora molto anche come asporto.
Se si resta in zona centralissima, a parte Altero, che io personalmente non amo particolarmente per via della consistenza un po' gommosetta, la mia preferita è forse il Mascalzone, dove ho scelto lapizza ai funghi, un classicone. La Due Torri mi è piaciuta molto per la parte sottile e Oro Panzerotto l'ho trovata cotta bene, anche la crosta meglio della Due Torri, ma un po' troppo unta.

LA MIA CLASSIFICA
Fuerte, via Riva Reno 118 c/d/e(tavolini e sedie nel freddo assoluto. potresti rimanere almeno 15 minuti ma è una sofferenza. Ti salva la pizza che è eccellente, triangolo grande e con mollica soffice, 1,40 margherita, 1,60 farcita)
Focacceria Mediterranea, Strada Maggiore 96 (carino  e confortevole il posto, dove si compra anche la mozzarella di bufala che arriva martedì e giovedì e il pane fatto sul posto - 3 euro al kg e la margherita, fantastica e croccante, costa 1,20 euro al pezzo)
Irnerio, via Irnerio 20/b (sedie e mensole su cui appoggiarsi, è caldo e ti puoi anche togliere la giacca. La pizza è buona, cotta bene, come al ristorante, 1,50 euro)
Due Torri, Strada Maggiore 3/a (poco spazio interno, si mangia sotto il portico, fettona triangolo croccante e sottile 1,80 euro - molto buona - ma bordo grosso e poco cotto)
Il Mascalzone, via Indipendenza 56 (si sta in piedi in uno spazio medio davanti al bancone e ai lati, pizza a quadrato cotta bene, 1,30 margherita e 1,60 farcita)
Oro Panzerotto, via San Vitale 26/a (tavolini e sgabelli, temperatura buona, fettona triangolo 1,50 euro, troppo unta )





Commenti

  1. daje Bebe! allora niente pizza. prossima volta giro kebab vegetariano. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vuoi prendere parte a qualche impresa? prossimamente punk food a tre! (cavoli...sembra una roba sporca però...)

      Elimina
    2. solo che io a pranzo ci sono solo di sabato...

      Elimina
  2. oTTio, sono famosa.
    A imperitura memoria sul tuo blog.
    Ora mi gaso e spammo a destra e a manca.
    Più che pizza alla salsiccia, le mie dita son cinque salsicce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la doppia vita di veronica, adesso c'è anche quella famosa

      Elimina
  3. Buondì Bea, come sempre splendidi i tuoi reportage mangerecci! Mi permetto di consigliarti di andare a prendere un trancio da Focacceria Mediterranea alla fine di Strada Maggiore (il civico mi pare sia 96, ma non sono troppo sicura), fa pizze al taglio da urlo e quando scalda il trancio lo mette nella teglia di ferro e viene il sotto croccante e il sopra morbido! L'ho scoperta pochi giorni fa, ma il primo assaggio è stato amore a primo morso, in più il martedì e il giovedì gli arrivano anche le mozzarelle di bufala campana (che ho preso tra l'altro a prezzi onestissimi) da Caserta che sono da 10 e lode!!!
    Non conosco Fuerte, andrò a provarlo, anche perchè è vicino casa!
    Un bacione enorme e grazie come sempre per tutte le dritte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Marilù! ottimo consiglio questo, senza... chissà quando ci passavo. prossimamente: Focacceria, Altero e di nuovo il quadrilatero proprio in via Orefici...ancora tre sob! un bacione

      Elimina
  4. la pizza parmigiana con "mulinciane" fritte di riva reno è la n°1!!!!!!!!!!!!!!!
    lievitazione ed ingredienti perfetti: il resto, per me, non esiste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devo sperimentare, è poco ma sicuro. andiamo insieme, Ivana?

      Elimina
    2. Ivana, mi tiri fuori delle robe pazzesche...mulinciane=melanzane, l'ho cercato in internet...il resto è noia!

      Elimina
    3. ecco Arianna vai e dimmi di queste muliniate, che Ivana è di parte!

      Elimina
    4. Anch'io anch'io vengo per le mulinciane questo e altrooo! :)

      Elimina
    5. Bebe sei una delusion che non sai cosa son le mulinciane e sei pure poliglotta. Sei una fake, shame on you. Comunque anche io voglio venir con voi.

      Elimina
  5. Brava Ivana, mi hai fatto venire in mente che anche in via San Felice ce n'è una che tuona. Ora ci passo stasera e ti do le coordinate esatte, non mi ricordo manco se è prima dell'incrocio o dopo. Mi par verso la Picard.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, questa me la dici tu com'è! io sennò KAPUTT!

      Elimina
  6. la pizza al taglio con lievito madre merita un assaggio. Sarà il mio prossimo piz-stop! ma scusa Bebe, Altero come lo giudichi? è un secolo che non vado ma era strepitosa ricordo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, ma per dovere di cronista ci andrò per documentare...tra qualche giorno però!

      Elimina
    2. Piz Stop è molto carino! da Altero ci sono stata un po' di volte ma non ho mai pensato che andassi pazza per il suo trancio. Però, magari è pure migliorato, anche se come dice Arianna è sempre un po' chewy... (ci facciamo il viaggio...chewy, choosy, ....)

      Elimina
  7. Giorgetti è felice di averti ispirato. E mi fa piacere che ti sia piaciuta la Fuerte. Spero che la gente ora la visiti di più dato che la maggior parte delle persone, me compresa, pensavano fosse la solita pizzaccia. La sera lei lì dovrebbe essre piena, altro che!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tra l'altro, visitando le altre, ho proprio pensato che Fuerte fosse in assoluto la più orrida come estetica...pensa te...

      Elimina
    2. Salve Sig.ra Bea
      Sono Christian di Pizza fuerte e non avendo altro modo di contattarla lo faccio tramite questo blog.
      Innanzitutto ringraziamo vivamente per la recensione e nel contempo vorremmo aggiornarla sui nostri impasti.
      Nell'ultimo anno infatti abbiamo avuto una costante evoluzione del prodotto e in particolare riapetto alla sua visita abbiamo cambiato sia farine che metodo.di impastazione -il tutto per rendere il prodotto sia più digeribile che gustoso.
      Il nostro è un impasto di nuova generazione fatto con tre farine biologiche e impastato a fasi di derivazione del metodo 3.0 di Marco Lungo - uno dei maggiori esperti di impasti a livello mondiale.
      Cordiali saluti
      Christian e Elena
      Pizza Fuerte

      Elimina
  8. d'accordissimo con la tua classifica ,ho fatto un giretto pure io di assaggio...ciao cinzia

    RispondiElimina

Posta un commento

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea

Post più popolari