Come le botteghe di montagna, Pigro

Pigro è anche un posto della musica, dal nome mutuato dal disco di Ivan Graziani a tutte le altre copertine di dischi che ci sono alle pareti

La scorsa settimana l'ho passata a occuparmi di mortadella. C'era un evento dedicato al supremo salume bolognese e io ho vissuto la mia vie en rose con fantastico distacco, proprio da brava cronista non corruttibile: non mangio salumi da più di vent'anni e, nonostante io abbia passato svariate ore col naso nell'aere mortadellesco, non mi è venuta voglia di. O meglio: il profumo mi piace parecchio...allora è come se io fossi diventata di nuovo carnivora? Annusare corrisponde a ingerire? Di questa tematica ne ho parlato anche con un'amica, Cristina, proprio sabato sera, durante una festa di compleanno. E lei, citandomi la scena di un film di Ang Lee, "Tempesta di ghiaccio", dove si parlava proprio di tali argomenti, mi ha detto che in pratica sì, quando annusiamo è come se ingerissimo. Beh, almeno non sono ingrassata! E per disintossicarmi un po', un giorno ho deciso di andare a mangiare un panino in un posticino che avevo adocchiato vagando in via de' Pignattari. Si chiama Pigro e ha aperto da venti giorni, rialzando la serranda di un posto che si chiamava Bologna Food Boutique. Lo stile ricorda molto le botteghe di montagna o di provincia. O forse, semplicemente, quelle di un tempo. Me ne viene giusto in mente una, che frequentavo quando andavo alle medie, a Carteria di Sesto di Rastignano. Dove compravo la S con la mortadella e lasciavo da pagare. Bimba fortunata.



formaggio zafferano e pepe...marmellate...

E' molto carina la mortadelleria Pigro dove però si mangia anche altro. E' tutta arredata con mobili e oggetti pescati nei mercatini (molti di carattere religioso, come l'altarin del chinotto, l'inginocchiatoio sulla strada dove appoggiarsi o mettersi in ginocchio, appunto, sgranocchiando un bocconcino di crescenta) e messi uno accanto all'altro con leggero stile buttasu che però ha un suo ordine. Nella vetrina di un bellissimo mobile verde acqua  c'è il cesto del pane,a fianco ci sono i sott'oli, le marmellate, in vetrina un libro sui panini, del pane, birre e bibite. E poi tutti quei foglietti attaccati alla vecchia che ti dicono i prezzi del pane, dai 2 euro di un bocconcino ai 4 di una S, e cosa costano le aggiunte: prosciutto 1,5o, formaggi 1,50, mortadella 1 o al taglio 2 all'etto, farcitura sott'olio 50 centesimi. Poi le bibite, più o meno tutte 3 euro a parte la birra 3,50. E poi il companatico a base di burro e acciughe 2 euro. 
il manifesto del mitico concerto dei Clash 1980 piazza Maggiore...non l'avevo mai visto! Panino S mortadella (5 euro) e metà del panino acciughe (4 euro)


Quello che ho preso io e che a dire il vero, per il panino mini che era, 4 euro in totale erano un po' esagerati (penso a un panino di Eataly da 5 euro e mi dico che c'è una bella differenza, naturalmente anche nella gestione: a Pigro son piccini, Eataly è ormai grande distribuzione), ma capisco che una bottega in una posizione così, di fianco alla chiesa delle chiese bolognesi, non debba costare poco d'affitto mensile. L'adorabile, ad esempio, che si è fatto tre panini medi, tra cui uno chiamato Hard Rock con formaggio e cipolla di Tropea e una piccola birra Peroni, ha speso 15 euro. Mentre Linda, che ha scelto la S con la mortadella 5 euro, ha mangiato un panino davvero gigante! E comunque, detto tutto ciò, Pigro è posto carino (biglietto da visita super, vedrete...), i due proprietari gentili.... sui panini ci si può lavorare ;-).

Pigro
via dei Pignattari 1/d
Palazzo dei Notai
Bologna

Commenti

  1. Ho conosciuto i proprietari, ed assaggiato i loro panini, venerdì scorso durante la notte bianca di via S. Felice e sono persone gentilissime, e il panino mi è piaciuto davvero tanto. Ma non avevo mica capito però dove fosse la loro bottega, grazie a te, adesso lo so! Le tue chicche sono sempre imperdibili. Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia amica Linda mi ha detto proprio di aver avvistato i ragazzi di Pigro alla festa di San Felice...destini che si incrociano e panini che se magnano! bacio Marilù

      Elimina
  2. Risposte
    1. io continuo ad unirli...ma viene sempre fuori un'acciuga ;-)

      Elimina
  3. Bè con 15 euro quasi ci mangi al ristorante... ma forse il panino con birra del tuo adorabile è meglio! No, non sono d'accordo con Cristina: annusare non è ingerire, e comunque non c'è niente di male! Io quando sento il frusciare dei soldi dell'impiegato di banca che li sta contando non mi arricchisco (purtroppo)! Ciao

    RispondiElimina
  4. mi piace molto la tua riflessione soldi fruscianti e arricchimento caro Andrea...

    RispondiElimina

Posta un commento

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea