mercoledì 28 maggio 2014

La caffetteria partecipata dove le tazzine raccontano una storia: accade al Sì

l'archiviazione per la caffetteria partecipata è cominciata


Questa non è una recensione. Perché finalmente racconto quel che succede all'inizio, molto prima di arrivare in un luogo con una storia già scritta e impacchettata, solo pronta per essere narrata. Succede quindi che in via San Vitale 69, il 26 settembre riaprirà il Sì, lo spazio teatrale parte del complesso di San Leonardo assieme all'associazione Pierrot Lunaire, che fu già la casa del primo Teatro Testoni Ragazzi, di Leo De Berardinis e del Circo Teatro San Leonardo di Alessandra Galante Garrone. Dopo un anno di lavori di ristrutturazione,  l'edificio riparte e con esso il Sì che, oltre agli spettacoli, alle produzioni con residenze, avendo guadagnato più spazio…inaugurerà anche la caffetteria. E sarà un progetto speciale, perché conterrà oggetti, dalle tazze del caffè alle seggiole, che saremo proprio noi a donare. Il collettivo Ateliersì, che gestisce lo spazio, lancia infatti in questi giorni un progetto chiamato iMACO, ovvero "Immaginari collettivi", per la raccolta di arredamento. La strategia umana è ideata con la collaborazione di Snark, agenzia di progettazione su temi dello spazio pubblico e del design di servizi e pone al suo centro il "crowdfurnituring", ovvero "raccolta popolare di mobili", un crowdfunding che non vuole soldi ma oggetti insomma, proprio per chiamare a raccolta la gente che abbia voglia di fare una donazione materiale ma anche spirituale. Chi porta una cosa è gentilmente pregato di lasciare anche la storia, e il Sì archivierà tutto per presentarlo nella caffetteria proprio quel 26 settembre. E i donatori riceveranno un regalo. Le prime tazzine da caffè sono già arrivate, assieme a una seggiola e a un servizio di coppette da gelato. I mobili più importanti sono stati acquistati in giro per mercatini, ad esempio la bellissima dispensa con le reti metalliche e i banconi e rispetto al menu si sta ultimando: non ci sarà la macchina da espresso tipica dei bar, piuttosto moke e caffettiere di varie provenienze per arricchire la lista con caffè internazionali. Si privilegerà un menu vegetariano e vegano realizzato da catering cittadini. Ultima nota quella dei cocktail: niente alcolici in prima linea, ma piuttosto mix interessanti e fruttati cui aggiungere alcol.
Se volete portare qualcosa il “reclutamento” di materiale sarà fatto fino a settembre, escluso agosto, il martedì, mercoledì e giovedì, dalle 15 alle 17. http://ateliersi.it/si/
 




4 commenti:

  1. niente...che bell'idea! son già lì che penso a cosa potrei donare...

    RispondiElimina
  2. Che bella idea!!! ma come si fa a sapere cosa serve e cosa invece no?

    RispondiElimina
  3. Ciao Elenuccia! Grazie per il tuo interesse. Siamo ancora all'inizio e quindi abbiamo bisogno di un po' di tutto :) ma se hai qualche domanda o proposta specifica puoi scriverci a info@ateliersi.it. Ci vediamo al Sì, Ateliersi

    RispondiElimina

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea