Fiordaliso, caffetteria senza glutine tra primi e pasticcini

ravioli ripieni con ricotta ed erbette

Non so se sia l'effetto di tutti i film che stiamo guardando da una settimana, certo è che non solo io, ma anche le mie amiche, siamo in una certa ossessione con le inchieste. Che poi, se ci penso, lo siamo sempre un po' malate di retroscena. A questo giro, del resto, l'esperienza  necessitava di tante domande, di quella curiosità che ad alcuni dà fastidio e che per altri è una cosa meravigliosa. Tipo al Fiordaliso, il nuovo bar con grande cucina (questo sì che è un ibrido interessante) che ha aperto nella zona del Mercato delle Erbe, dove tutti i prodotti sono senza glutine e, come mi ha rivelato Giovanna dopo il nostro pranzo insieme lunedì scorso, tutto è fatto secondo regola. Come direbbe qualche celebre trasmissione forte nei reportage: la nostra inviata ha fatto un giro per le cucine e ha scoperto che.




molto gentile il servizio. si mangia dentro ma anche fuori ed è in arrivo il dehor per 12 tavoli

La mia valutazione, la più scontata per il genere di bar tanto specifico, è che un posto così ci voleva in città. E poi che adesso via Belvedere con tutto il distretto del cibo che abbraccia il Mercato, è diventata una destinazione unica nel suo genere, perché le tipologie di cucine rappresentate sono varie e non prevedibili. Non solo bar, insomma, ma un disegno che nemmeno un monopolio con una progettazione fatta a tavolino avrebbe saputo fare tanto bene. Scoperto il nuovo caffè-pasticceria che si annunciava da tanto tempo ( i lavori in corso hanno questo di bello, ti danno notizie immediate) l'appuntamento con Giovanna è stato naturale; lei di questa alimentazione ne sa parecchio, la celiachia è una cosa seria, mi ha sempre detto, e ci vorrebbe un posto carino che offre una scelta interessante e gustosa anche a Bologna. Non aspettatevi alta cucina però, Fiordaliso è un bar che punta molto sulle preparazioni dolci e che non può spingersi troppo in là sul versante gourmet. Ma il punto dolente per chi soffre di questo disturbo, ovvero il glutine, è trattato a dovere. Dietro al bar di quella che abbiamo scoperto essere la versione gluten free dello Scaletto di via Ugo Bassi, c'è un laboratorio/cucina molto bello e spazioso dove si fa il pane, si tira la sfoglia per la piadina (che vabbè, non è quella che mangerei tutti i giorni, ma almeno c'è e mi chiedo se magari, lavorando di più con l'olio, si potrebbe rendere più gustosa), si lavorano le brioche, si producono i dolci. La pasta no, quella arriva già confezionata dal Piemonte. Ecco perché è così liscia, mi spiega Giovanna, perché i ravioli li avevamo trovati troppo sguisci e zero porosi. Poi mi racconta che dopo che ci siamo lasciate, lei è tornata indietro per saperne di più. Quindi ha scoperto che in laboratorio ci sono tre chef pasticceri, Francesco Sardisco, Elisa Fedrigo e Gaia Magri diplomati alla Alma di Gualtiero Marchesi. Che Francesco, figlio del proprietario, fa il pane, le tigelle (farina di riso, fecola di patate e olio d'oliva) e i dolci (tutto col burro, miele e frutti di stagione) e le brioche che dobbiamo assaggiare al più presto, perché pare che siano specialissime e che "facciano piangere i celiaci". Qualcuno, entrando in questo caffè dall'arredamento un po' sala conferenze di hotel che però porta anche un nuovo stile più pro e meno indie nel distretto che nasce dal basso, noterà che nel bancone, ai due estremi, ci sono delle briochine, che si guardano, forse si riconoscono, ma che sanno di non appartenere alla stessa famiglia: sono quelle con glutine che arrivano dall'altro laboratorio, isolate dal resto della società. All'ora di pranzo viene tutto disinfettato e chi entra in un laboratorio, non può entrare nell'altro senza cambiarsi. Mi trovo concorde con Giovanna, nel pensare che la proposta sul versante salato sia un po' limitata - tante insalate, pasta, piadine- ma che l'inizio sia comunque buonissimo e soprattutto che la nascita di un bar dedicato sia un'ottima notizia per chi soffre di celiachia.

Fiordaliso
via Nazario Sauro 8/d
051 264444

Commenti

  1. Si il nostro gruppo Facebook Celiaci Bologna e Dintorni è andato in visibilio per questa nuova apertura (https://www.facebook.com/groups/43640190490/

    RispondiElimina
  2. Molto bene Manu! sono andata a provarlo con un'"esperta" e quindi ho capito che potevo pubblicare :)

    RispondiElimina
  3. Ci sono stata qualche giorno fa con un'amica celiaca (io non lo sono) e ho mangiato una brioche alla nocciola STRATOSFERICA!! La crema era buonissima, davvero!!
    Silvy

    RispondiElimina

Posta un commento

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea