L'aperitivo scarto-chic de l'Ecole



(la papilla brilla per l'école del rusco)

Da domani a Bologna arriva l'Ecole del Rusco, la manifestazione che da qualche anno porta in città arte e rifiuti in un'unica soluzione tutta da scoprire e vivere. E quest'anno batte se stessa perché coinvolgerà tutti i cinque sensi con una serie di soluzioni creative che facciano sempre pensare a quanto roba si butta senza un pensiero di riuso che permetterebbe di risparmiare più soldi e lamentarci di meno su quanto siamo poveri, su quanto spreco c'è in giro, su quanto non si faccia nulla anche per vivere in una città più bella e stimolante.
Beh, questa manifestazione che gli attivisti dell'associazione La Pillola 400 hanno deciso di chiamare magnificamente "La scuola del rusco" (perché per imparare certe cose bisogna comunque apprendere come) però in uno chicosissimo francese, risponde a tutte queste domande e vi dà la soluzione. Coi rifiuti si possono fare cose meravigliose e tagliare tante spese perché si consuma di meno e si riutilizza di più ciò che già c'è.
Tra queste cose meravigliose c'è in questa edizione una sezione tutta dedicata al gusto!!!! Ovvero a come ri-pensare i consumi alimentari con degustazioni creative e prodotti scartati.
Quindi da domani 28 ottobre al primo novembre nel quadrilatero del centro storico ci saranno tante iniziative tutte da mangiare che ci aiuteranno però a diventare più consapevoli.
Ma entriamo nello specifico.

Una delle iniziative è curata dal collettivo La Papilla Brilla di Reggio Emilia che offre esperienze di degustazione creativa e che ha creato il bel neologismo Createring. Le ragazze attiviste tra cibo, design e recupero, avranno una postazione "Regustazione" in via degli Orefici dove chiunque potrà assaggiare prelibatezze da aperitivo preparate con cibo recuperato fornito tra gli altri da Last Minute Market, il progetto ideato dal preside della facoltà di Agraria Andrea Segrè per salvare dal macero i prodotti che romangono invenduti sugli scaffali dei supermercati, ma anche recuperare ciò che gli ospedali o le mense scartano.
Inoltre le botteghe del quadrilatero (che sono tra le più care e cariche di prelibatezze off limits ai più) offriranno la merce rimasta della giornata che va consumata last minute in assaggi sostenibili e chic.
Curatore della parte sul gusto è Ludovico Pensato di Pillola 400.

Commenti

  1. E' una gran figata, di quste iniziative ne dovrebbero fare di più, come del mercato in cineteca:
    www.mercatidellaterra.it

    RispondiElimina
  2. sarai alla presentazione del libro di cavoletto?

    RispondiElimina
  3. @puntidivista
    sto lavorando per te...oggi sono passata dall'installazione e ho fatto foto...tu sei passata?
    @Antea
    sei passata Antea a vedere l'installazione e ad assaggiare le cose buone scartate e ricomposte?

    @Lefrancbuveur
    sperto proprio di si! i miei orari di lavoro non coincidono proprio sempre con la fine alle 18...ma magari sono fortunata!

    RispondiElimina
  4. ciao,

    un articolo di la Repubblica citava un incontro con l'autore di "SCARTI" Tristan Stuart, la scorsa domenica 1 Novembre... Forse un libro di vera formazione con prefazione di Last Minute Market? Io non l'ho ancora letto.Però lo farò, sempre che qualcuno non mi presti la sua copia.

    RispondiElimina
  5. Mi sono sbagliato, è "SPRECHI.Il cibo che buttiamo, che distruggiamo, che potremmo utilizzare" e non SCARTI come ho scritto sopra.

    Qualcuno lo avrà pur letto...

    o no?

    RispondiElimina

Posta un commento

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea

Post più popolari