Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

I Viaggi di Bea: l'Isola di Mull, voglia di Scottishness, capesante grigliate e plaid caldini

Ci pensate mai al perché avete scelto una destinazione di viaggio? 
Cioè: com'è che avete deciso di andare proprio lì e non altrove in un dato momento della vostra vita? 
Mi rendo conto che negli ultimi anni, una delle azioni più amate dai viaggiatori della categoria più diffusa, è quella di andare sul sito delle compagnie low cost e vedere che affari ci sono, quali mete sono disponibili a poco prezzo dalla propria città. 
Il tipo di viaggiatore 2, invece, ha delle fisse, magari impazzisce per gli Stati Uniti e se li fa tutti, per poi scegliere una meta finale dove sentirsi ogni volta un po' a casa. 
Poi c'è chi viaggia inseguendo le trame dei libri, chi sceglie di muoversi spinto da indirizzi gastronomici che meticolosamente colleziona tra riviste specializzate e blog del mondo e poi c'è chi è stato invaso dal trip delle conformazioni geografiche. Ecco, lì, in quella categoria di ossessivi, ci sono anch'io, che da quattro anni viaggio per isole soprattutto. Ma introdu…

Ultimi post

Polaroid da Bologna: il bar del Baraccano è troppo carino!

Polaroid da Bologna: caffè e pasticciotti (poi la sera cocktail) all'Emporio 1920

Polaroid da Bologna: pesce, carne e verdura formato bowl al Fior di Sale

Fake Meat, carne finta, più per carnivori che vegetariani: da oggi al Well Done il fake burger

Ho letto una carta e ho viaggiato con gioia: CaBo' e lo chef Daniele Simonetti

Piccole fughe d'estate in Romagna: Locanda i Girasoli con Aromi Orto e Cucina (è proprio il nome del ristorante)

Le scoperte dell'estate: lassù sulle colline di Monte San Pietro, a mangiare le tagliatelle verdi

La fritturina di pesce in città, una ricerca senza fine: Bar Osteria della Pace

Una Bologna inedita dalla Torre dell'Orologio, che presto inizieremo a scalare, dopo un drink.

Mangiare in Riviera anche in bicicletta: istruzioni per l'uso con Cucinopertescemo (stasera in città da Dynamo)