Omelette e baguette, idee innovative per tempi che cambiano





OMELETTE E BAGUETTE NON ESISTE PIU'

Angela e il menu
Silvia, bufala e pomodori
E' passata quasi una settimana ma chi ce la faceva?
Però ieri mattina mi son svegliata che mi sembrava di essere a Londra, con quella luce così cupa e la pioggia. Poi però nel pomeriggio c'era una luce da gennaio balinese o semplicemente settembrina.
Tutte le cose acquistano più spessore cromatico con questa luce e insomma...ero di gran buon umore, anche perché di temperatura si stava! Così ho deciso di mettere nero su bianco qualche esperienza carina delle ultime settimane. Di che parliamo? Parliamo di un ristorantino, anzi, di una omeletteria o baguetteria...(e comunque con tutto il fascino di un bistrot del Nord Europa) nata a Bologna da un paio di settimane. Il suo nome è "Omelette & Baguette" e la discendenza arriva da Milano, dove un posto omonimo c'è già. E' un franchising insomma, aperto da persone sicuramente illuminate, che amano le cose belle, amano il nuovo e anche un po' rischiare. Grazie a iniziative come questa la città sembra in movimento, in controtendenza con lo stato di stand by (che non è per niente sinonimo di stabilità) che Bologna sta attraversando.



brick à l'oeuf

Si parla di degrado, non ci sono soldi, i politici fanno i loro affari e intanto nasce Omelette e Baguette che porta aria fresca in città. A cominciare dall'estetica. Tutto bianco. Tavoli e sedie direi decapati, un colpo d'occhio di bellezza e semplicità che fa molto bene all'animo. Tutto su due piani, con aria condizionata e un bancone bar per cose più veloci, perché O&B si presta a una frequentazione lunga una giornata.
Ci entri per la colazione, per uno spuntino, per un caffè, per un te, per un dolcetto, per un pranzo o una cena.
E vorresti stare lì tutto il tempo.
Il posto ti chiama e dà senso alle tue ore a zonzo.



Giorgia e l'insalata
Questa credo sia anche la caratteristica che contraddistingue  forme di esercizi e negozi contemporanei basati su una  consapevolezza di voler dar vita a qualcosa di nuovo che permetta di realizzare un sogno.  E infatti possiamo vedere la grande quantità di nuove idee di ristoranti o bar che si affacciano sul mercato. Quanti di noi non hanno detto almeno una volta: vorrei aprire una cioccolateria...una trattoria...una gelateria...io personalmente ho la mia idea di bakery con libreria ad esempio...

Poi, il grande segreto, sta nell'essere capaci di gestire. Di fare bene i conti. Di saper trattare col personale che non ne può più di sentirsi aggredito, trattato male, non pagato anche. Questo si paga, credo, a lungo - ma anche a breve- termine.

All'Omelette e Baguette ci sono stata una sera con le amiche di sempre. Quelle che magari non si vedono tutti i giorni ma ogni tot tempo c'è il richiamo della foresta. E insieme si esplorano posti nuovi e vecchi.
Così il menu l'abbiamo testato in profondità.
parola d'ordine: shabby chic
E in coro possiamo dire di aver apprezzato. Ci torneremo!
Innanzitutto vorrei parlare delle porzioni. ENORMI. Tutte noi eravamo molto soddisfatte. Abbiamo preso un piatto a testa perché di più non ce l'avremo fatta.
Io poi, ho veramente esagerato. Perché mi son fatta tentare dalla cosa forse più esotica, come mio solito. E ho optato per un brick à l'oeuf patate e tonno. Che sarebbe una pasta sottile, la nostra fillo che in francese è brick, ripiena di patate, tonno e uova. Considerato il caldo che faceva, ecco...forse ho esagerato. E per digerirlo mi ci è voluto un po'...Ma era talmente buono!!! In rete ho anche trovato una ricettina se vi interessa, perché non sono così in confidenza con la proprietà di Omelette da chiedere quella loro.
Altre amiche han preso le omelette di radicchio e taleggio, le insalate (grandissime) e qualcuna, saggiamente, il più leggero pomodoro e bufala. Le baguette non le abbiamo ancora provate!

Bon appetit!



Omelette&Baguette
via Altabella 15/d, Bologna
tel. 051 266629

Commenti

  1. Oh! Aspettavo proprio qualche opinione su Omelette e Baguette!! Adesso posso andare a provarlo più tranquilla...anche se in realtà quel che mi tenta maggiormente è l'English Breakfast! (ovviamente solo nel caso si ripeta una giornata come quella di ieri, altrimenti penso che il mio fegato non ce la possa proprio fare)
    Grazie mille e un caro saluto,
    Laura

    RispondiElimina
  2. Confermo tutto quanto... incluso la voglia di tornare per provare qualcosa di diverso! (io sono quella che ha provato l'omlette radicchio e taleggio). Consigliatissimo. Angela

    RispondiElimina
  3. Crafty Laura...eh sì, con questo caldo bisogna andarci piano, ma per l'inverno credo sarà un posto perfetto...da domeniche pomeriggio di chiacchiere fitte...le uova, lo sappiamo, non sono le regine della leggerezza, ma ci sono tante altre cose e l'idea è comunque nuova, ottimista, sognatrice.
    pippi2...cara, tu sei anche la signortina del menu!!! davvero fotogenica la mano!!!

    RispondiElimina
  4. Adoro omelette a baguette, ma io conosco quello di Milano! Il tizio che l'ha inventato è un amico del mio papà, quando lo vedo gli dirò del tuo post, te ti va :)
    A presto
    Jasmine (labna.it)

    RispondiElimina
  5. Non sapevamo dell'apertura di questo locale, ma ci hai incurisiti quanto basta e ci hai invogliato a farci un salto. Quando hai parlato di arredamento completamente bianco ci aspettavamo un ambiente di quelli ultramoderni e minimalisti e per un attimo abbiamo avuto un piccolo choc, perchè non andiamo matti per questo stile, poi invece ci è bastato guardare la piccola foto con il tavolo e le sedie per capire che l'ambiente è molto accogliente e quell' All White diventa una sciccheria. Ci ricorda un po' il ristorante Io e Loretta, il cui arredamento secondo noi è fantastico.
    Uno di questi giorni ci andremo, è da tanto che non mangiamo una buona omelette!
    Buona serata
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  6. Jasmine...ma dai!!!! sono molto contenta se glielo fai sapere. ma è un signore milanese quindi che l'ha inventato? superlativo!!! adoro la creatività nell'impresa. grazie.

    Luca and Sabrina...carissimi, in effetti è un bianco usurato e volutamente tale, non plasticoso da milano da bere!! ma ditemi un po'...cos'è questo Io e Loretta? Solo il nome mi incuriosisce un sacco!!! un abbraccio e passo a trovarvi che tra trasloco e caldo son qui che a malapena faccio un post a settimana...;-)

    RispondiElimina
  7. ...ecco vedi, che ti avevo detto... è a 5 minuti da casa mia e ne ignoravo completamente l'esistenza... Poi mi diverto quando li vedo di persona penso sempre "...ahhhhhh, ecco, vedi, questo è quello che ho letto sul blog di Bea...".

    Invece, un po' di tempo fa (qualche mese, per intenderci) sono passata in via Petroni e quasi all'incrocio con via S. Vitale ho visto un ristoqualcosa che mi ha incuriosita... di fianco forse aveva anche un take away (del ristorante stesso)... L'hai visto??? Sai qualcosa??? ...e poi un'altro posto che mi ha incuriosito quasi in Largo respighi, vicino a P.zza Verdi che sembra un fast food però con un'immagine da paese nordico... che non ho capito che posto sia, perchè ero di fretta e ho tirato dritto ma mi ha incuriosito questa immagine un po' Ikea style... Poi, basta che ho scritto un poema...

    RispondiElimina
  8. "Di saper trattare col personale che non ne può più di sentirsi aggredito, trattato male, non pagato anche"
    le tue parole mi hanno risvegliato un brutto ricordo, di un posto scoperto proprio qui sul tuo blog e dove ho avuto la sfortuna di lavorare.
    ti seguo da quando mi sono trasferita proprio qui a Bologna e mi incuriosiscono sempre tanto i luoghi che recensisci.
    da "addetta ai lavori" in cerca di occupazione è bello vedere tanto amore per le novità e ed è purtroppo triste sperimentare di persona il "marcio" che a volte c'è dietro.
    bè, dopo questo piccolo sfogo che mi sono tenuta dentro per mesi, credo che al mio ritorno dalle vacanze sperimenterò con piacere questo nuovo locale ;)
    buone vacanze anche a te!
    Manuela

    RispondiElimina
  9. Antea...allora via petroni/incrocio s. vitale. sì ho ben presente. adesso il nome mi sfugge. è dopo il biciclettaio. e non l'ho recensito ancora perchè il menu è molto a base di carne. è un inno alla cucina bolognese con cui io, beh, non sono proprio in sintonia, pur essendo bolognesissima. ci sono andata un giorno a pranzo e presi, ricordo, una zuppa. nemmeno male, prezzi buoni e bassi. Ma la cosa che mi colpì, per, ripeto, forse non aveva la maturità di un post o forse sì, fu la scelta di te'. Davvero alta. Credo addirittura tengano i te' di StregaTE e vedere ad esempio i te' "tecnologici" (come li chiamano in Cina), ovvero le composizioni di vari fiori essiccatti che si schiudono in acqua, mi sorprese. Hanno anche le teiere trasparenti proprio come vanno in Cina...piccole e cristalline. IL secondo posto l'ho recensito un po' di tempo fa. E' ITIT, questo il link http://apranzoconbea.blogspot.com/2010/02/itit-il-format-americano-del-caffe.html
    una sorta di starbuck...senza offendere gli appassionati (faccio la premessa perché so che ci sono appassionati estremisti!! ;-) )
    lì, quando ho fretta e mi trovo verso l'ora di pranzo a passarci casco sempre nel sandwich al salmone...che però non è il massimo. ma me be dimentico sempre!!! insomma, per studenti è ok o se devi lavorare sorseggiando un caffè senza che nessuno ti rompa le scatole!

    Manuela...mi fa piacere saperti affezionata lettrice e mi dispiace che tu sia tra quelle persone che cascano in questi torbidi piani di malagestione. effettivamente, come dici tu, io mi appassiono al nuovo, lo segnalo quando ancora è all'inizio e le cose vanno...ma poi tutto naufraga. E mi fa piacere se certe cose mi vengono segnalate. buona estate e a presto con tempi migliori! ;-)

    RispondiElimina
  10. appena tornata da una seconda cena da Omelette...stasera ho assaggiato il flan di parmigiano...buonissimo! delikatessen assoluta! e poi la mozzarella in carrozza e qualche cucchiaiata di creme brulè (!!!) e creme caramel (!!!!)
    ora mi manca la colazione...

    RispondiElimina
  11. io domani inizio a lavorare o&b mi è servito leggervi, grazie
    ciao Claudio

    RispondiElimina
  12. beh...spero sarà una bella esperienza! certo dalla parte di chi ci lavora può essere diverso...vedremo. Io quando vado lì mi trovo sempre bene. E mangio bene. Rammento solo una volta in cui andai lì con mia zia che ha un po' di problemi di deambulazione e prima ci fecero aspettare e poi diedero via il nostro posto...cosi decisi di andarmene pensando che il sabato non è il posto migliore dove pranzare (troppa gente, troppo casino)e che questo non è un posto per persone con problemi fisici. spero di ricredermi.

    RispondiElimina
  13. Si mangia bene, ma attenzione ultimamente se mangiate omelette la baguette ( pur dicendo "ve la paghiamo") la portano mal volentieri, in un tavolo da 6 ne hanno portata una a fette, alla richiesta della seconda , normalmente portata dalla gentile cameriera, la responsabile/titolare è andata in escandescenze.....saluti Andrea
    Ottimo un altro commensale, che conoscendo il locale è arrivato con una baguette "esterna"

    RispondiElimina
  14. NEGATICO!!!Ci siamo recati in questo ristorantino molto accogliente e un pò diverso dai soliti, con tanta voglia di fare una colazione "English breakfast" di domenica mattina.
    Siamo arrivati davanti al ristorante verso le 10.30 e nonostante l'orario di apertura fosse per le 8.00 era ancora chiuso; i due ragazzi all'interno dopo qualche titubanza ci hanno accolti ma senza mostrare entusiasmo, semmai quasi infastiditi per doverci accogliere.
    Dopo aver aspettato mezz'ora circa siamo riusciti ad ordinare e dopo un'altra mezz'ora siamo riusciti ad assaggiare il "pan au chocolat", con molta calma ci hanno poi servito il caffè e la spremuta, ma abbiamo dovuto aspettare altri 15/20 minuti per completare la colazione.
    In sostanza il cibo era ottimo ma il servizio pessimo. Inoltre, il personale non è stato particolarmente cortese e attento, in particolare uno dei ragazzi che a mio parere dovrebbe cambiare lavoro.
    Bello il concetto e la filosofia del ristorante, buon cibo ma lunghe attese e soprattutto personale davvero poco cortese.
    Forse gli daremo un'altra chance, ma se dovessi basarmi sulla prima impressione NON CI RITORNEREI.

    RispondiElimina
  15. Andrea_ah ah...carina la protesta con la baguette portata da casa...è un po' quel che penso, bisogna sempre monitorare e grazie a voi che collaborate coi commenti al blog se po' ffà! Perché secondo me lì si spende anche fin troppo poco..ma evidentemente stanno iniziando a limare...

    Alessandro_beh, se c'è scritto che dalle 8 sono aperti e alle 10,30 vi prendono con malumore..dico che non va per niente bene! il fatto che abbiate mangiato bene è perché avranno fatto tutto al momento...e avendo aperto in ritardo "sa va san dir"...ma questo non giustifica. e poi sta' roba della scortesia...uffa! grazie!

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. oggi sono tornato da omelette e baguette per l'ennesima volta e... SORPRESA!
    ora si chiama LES OMELETTES, le porzioni sono calate e i prezzi (mi sembra) un po' aumentati (e poi possibile facciano pagare il pane del coperto?). A servire c'è gente diversa a iniziare da quelli che sembrano due gestori (marito e moglie) di mezza età un po' spersi....
    Magari il cambiamento è avvenuto un po' di tempo fa, ma io me ne sono accorto ora. Delusione. Gli darò una prova d'appello e se sarà ancora deludente, ciao

    RispondiElimina
  18. caro Lucio, grazie per la corrsipondenza:) a dire il vero sapevo che il nome doveva cambiare perché con quello precedente c'erano stati grossi problemi...non di questi gestori...ma problemi di franchising...quindi cambio di nome ma stesse persone. non ci sono ancora andata, proverò!

    RispondiElimina
  19. ciao a tutti, sto cercando di contattare il locale per prenotare ma non risponde nessuno. Ma esiste ancora???

    RispondiElimina
  20. ciao NIk...esiste ancora, ma ha un nome differente...ora Les Omelettes...qui sopra un commento.mi pareva di aver capito che cambiava il nome, per qualche problema indipendente dai ragazzi che lo gestiscono, ma la sostanza no.

    RispondiElimina
  21. ...dopo stasera ti scrivo da ex cliente di questo locale che, in occasioni passate abbiamo considerato come luogo "desiderato"...effettivamente non andavamo da un po' e...cambiato quasi tutto, o solo le "energie", perché come ben sai sono le anime delle persone a fare un locale (nel bene o nel male) e non solo l'arredamento...personale scortese (2 su 3), patine fredde, pollo al curry con riso basmati da camst (un piatto pieno di riso con sopra 6 pezzettini di pollo giallo che non sapeva di curry bensì solo di panna), pane bruciato e duro, alle 23,10 portato il conto (non chiesto) dicendo che dovevano chiudere seppure l'orario previsto fosse per le 24, alla nostra osservazione hanno detto che è loro abitudine far girare i tavoli (c'eravamo solo noi e un tavolo da 2, il resto del locale era vuoto). Non amo le discussioni e...per me questo locale ha chiuso oggi!

    RispondiElimina
  22. Ciao! Sai per caso se questo posticino abbia chiuso definitivamente? Perchè venerdì avevo voglia di pranzare da loro, ma c'era la serranda abbassata senza nemmeno un cartello affisso. Una mia amica c'era passata la settimana precedente e le era capitata a stessa cosa, ma pensavamo fosse ancora chiuso per ferie. Nonostante preferissi la vecchia gestione, mi sono sempre trovata bene e mi dispiacerebbe non poterci più andare..per me che sono una studentessa fuori sede era davvero comodo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, ti rispondo con molto ritardo. scusa! Omelette e Baguette non esiste più...ci sarà presto l'apertura di un nuovo posto!

      Elimina

Posta un commento

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea