Risotto con asparagi al tè di zafferano

Una di quelle tipiche cose da Bea e un po' da tutte e tutti che si divertono in cucina.
Mi viene voglia di fare il risotto agli asparagi con lo zafferano. Ma non trovo più, nella confusione che spesso avvolge la mia credenza e i miei cassetti, la bustina coi gli stimmi color mattone del leggendario fiore blu. Al momento mi dico, "beh farò senza". Poi mi viene in mente che durante il mio viaggio in Provenza, avevo comprato, proprio a Marsiglia, al mercato etnico, il tè verde allo zafferano. E' stato un attimo decidere di mettere in infusione nel brodo vegetale, la bustina. Il risultato? Mì è piaciuto parecchio. Delicato ma presente. Un buon sostituto.




Risotto con asparagi al tè di zafferano
x 2

riso carnaroli 250 gr
brodo vegetale (con Rapunzel, senza lievito) 1 litro
burro-soya Provamel 50 gr
scalogno 1
acidulato di umeboshi 1 tazzina di caffè
tè verde allo zafferano dei monti Atlas 1 bustina (marca Sultan)
asparagina 150 gr
parmigiano 50 gr
sale e pepe qb
fiori edibili a piacere

La prima cosa da fare è preparare il brodo. Nel caso di quello vegetale Rapunzel, metto 1 cucchiaino in un litro d'acqua. Porto a ebollizione e poi abbasso il fuoco, mantenendo caldo il brodo e pronto all'uso.

Prendo una pentola con fondo spesso, metto dentro il burro-soia e accendo il fuoco, poi aggiungo lo scalogno tagliato a dadini e quando è ammorbidito aggiungo il riso che faccio tostare per qualche minuto. Aggiungo l'umeboshi (che insaporisce un po') e lascio evaporare. A questo punto abbasso il fuoco e aggiungo otto piccoli mestoli di brodo. Faccio cuocere mescolando e quando il brodo è stato assorbito quasi del tutto aggiungo altro brodo. Continuo a mescolare e aggiungo brodo se necessario. Questo per circa 15 minuti.

Quando la cottura è quasi terminata faccio sbianchire per qualche minuto (così diventa bello croccante e il verde diventa nrillantissimo) in un pentolino l'asparagina tagliata a metà. Essendo tenera ho potuto utilizzare tutto il fusto.

Quando il riso è al dente posso spegnere e aggiungere il parmigiano, il pepe e in caso un po' di sale, se ce n'è bisogno. Quando la mantecatura è pronta ricopro con gli asparagi. Non ho messo altro parmigiano sopra per mio gusto personale.
I fiori sono un bell'ornamento, per la preparazione, ma sono anche mangiabili.


Nota di stile: il piatto fondo e quello piano gialli, sono Bormioli, anni Settanta. Esattamente quelli originali di famiglia, in cui mangiavo da bimba, nella casa del mare.

Commenti

  1. Direi un'idea geniale...è da Bea! :D
    Un abbraccio e speriamo di vederci presto!

    RispondiElimina
  2. Super Bea, grande idea! adoro il tè verde e poterlo utilizzare in preparazioni come questa è fantastico! quello allo zafferano non l'ho mai assaggiato, proverò a cercarlo da StregaTE chissà se ce l'hanno.. un bacione!

    RispondiElimina
  3. Ma e' un'idea geniale!! non avrei mai pensato di fare un risotto con il te', pero' adesso che l'ho visto ho deciso che mi ispira un sacco

    RispondiElimina
  4. Domenica 27 Maggio: Grande Festa di Cà Versa, dove si può trascorrere una giornata immersi nella natura fiorita con pranzo all'aperto (inclusi pic-nic), banchetti con specialità gastronomiche locali e hobbistica!
    Riesci a partecipare? visita il nostro blog per maggiori informazioni! www.agriturismocaversa.blogspot.it
    Un caro saluto da tutta la Cà!

    p.s. se sei una o un creativo e intendi esporre da noi puoi in una location da favola e gratuitamente, basta contattarci!

    RispondiElimina
  5. Carinissima la tua idea, mi piace molto, bravissima!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea