venerdì 22 maggio 2015

Incontrarsi al Canapè, quello nuovo, il bistrò veg fai da te

lasagne coi carciofi e polpettine 

E dopo tanti mesi arrivò un #apranzoconbea. Con la Bea, ecco. Ormai arruffate nei nostri tanti impegni che si uniscono l'uno all'altro come un filo di lana che si arrotola su sé stesso trasformandosi in gomitolo, dopo un inverno di randomici appuntamenti, ecco che arriva la primavera e spunta un bel pranzetto in un posticino nuovo acchiappato al volo. La scorsa settimana è stato proprio carino incontrarsi last minute e decidere di scoprire un nuovo bistrò, con una storia in parte narrata. Il mondo vegano bolognese acquista un ennesimo avamposto, cavalcando l'euforia del momento: e io mi chiedo non tanto quanto durerà, ma chi resterà.

lunedì 18 maggio 2015

Il rito dell'estate? E' chiaro, è il picnic, tipo al Cavaticcio

la domenica al Cavaticcio

Ieri, alla fine della seconda presentazione del mio librino, in quell'Ex Forno che tutte le domeniche di maggio scende a bordo canale per celebrare la socialità del cibo all'aria aperta, mi è stata posta un'ultima domanda cui ho risposto a metà. Quale sarà il prossimo grande trend del mondo gastronomico? Ascoltavo, mi guardavo attorno ma ero con la testa altrove, distratta dal panorama e dall'emozione. Finito tutto, tra una chiacchiera e l'altra, l'ho ben capito: sarà il picnic "the next big thing". Soppa, dirà qualcuno, hai scoperto l'acqua calda Bea?

venerdì 15 maggio 2015

Brunch dell'Ex Forno giù a bordo canale... con Bea, Chizu, Andrea, la Wanda e il soundsystem vintage

la presentazione del libro "La Bologna foodie della Bea" (QN/Il Resto del Carlino) a bordo canale, giù al Cavaticcio, sotto gli ombrelloni, durante il brunch curato dall'Ex Forno... che è proprio descritto sulla mia guida 

Buongiorno in questa mattinata talmente British, che potrebbero spuntare cespugli di cosmea anche se non avete piantato semi in terra. Oggi è un po' nuvolo, con pioggerella bizzosa, ma fino ad ora questo maggio è stato talmente generoso di sole e tiepide serate, che va bene così, con un po' di fresco, acqua dal cielo per le piantine a secco e un certo intimismo che rispunta rigoglioso appena vede grigio. Ma aspetta un attimo... è scesa in città la Madonna di San Luca, vero? Vero. In questo periodo dell'anno va così. Io sto tenendo sotto controllo il meteo - ne sono dipendente- e la bella notizia è che domenica sarà bello e che andrò finalmente al brunch dell'Ex Forno del MAMbo, a bordo canale giù al Cavaticcio però (dal 10 maggio, tutte le domeniche di questo mese è all'aperto), sotto gli ombrelloni, seduta ai tavoli con tovaglia a scacchettoni. E farò qui, a mezzogiorno, la seconda presentazione della mia guida "La Bologna foodie della Bea". E sarà un sogno che si avvera, perché il brunch è di certo uno degli argomenti che ho seguito e raccontato con passione in tutti questi anni, giocandoci attorno, scrivendo per questo rito anche un breviario di regoline indispensabili. E con me ci saranno naturalmente la compagna di scorribande letterarie Chizu Kobayashi, Andrea Maioli, che poi è il mio "capo" della pagina cultura e  spettacoli al Resto del Carlino (ci conosciamo ormai da 15 anni) e Soppawanda selcter di quartiere (la vedete nel flyer di Chizu con le gatte "Fuffe" e la fonovaligia?) con cui mi alternerò alla vintagissima console tra 45 e 33 giri d'annata.

mercoledì 13 maggio 2015

La bici che fa i frullati e il mercatino del mondo: è Klemlen park!

Questa non si era mai vista! Il giardino di Miranda è davvero una delle attrazioni della primavera bolognese

Se uno guardasse Bologna dall'alto in una qualsiasi serata di primavera, vedrebbe gente ovunque. L'inverno è passato - si spera anche quello del cuore- e gli spiriti in cerca di dolci scorribande si riversano tra parchi, cortili, piazze-salotti, terrazze a perdifiato sulle colline, giardini segreti. Ieri sera, ad esempio, dalle parti di via Rialto pulsava un cuore gigante e io stavo facendo la presentazione del mio libro "La Bologna foodie della Bea" insieme a un po' di belle anime attiviste e bighellone, proprio immersa in uno di questi posti magici che ha aperto la porticina una settimana fa: gli Orti di via della Braina sotto il regno di Scacco Matto, sono stati il mio ballo di debuttante sotto le stelle di un maggio che ci ricorderemo a lungo. Insieme a Chizu, compagna di questo viaggio iperbolico tra luoghi e fantasia a cavallo della sua matita che può ricreare memorie e intime visioni, abbiamo festeggiato il libro, guidate da Tommaso, perfetto cerimoniere di una sbornia emozionale finita anche con un piantino. Vabbè, questo è il giorno dopo, ho pure un nuovo banner (perché Chizu non si accontenta di non dormire per fare il pane la notte) e anche una nuova storia da raccontare. Che a Bologna, d'ora in avanti, sarà una scoperta continua.


lunedì 11 maggio 2015

Il bistrò rock'n'roll che Bologna stava aspettando: Jukebox in via Mentana

hamburger e Jukebox... finalmente il nostro Happy Days

L'avevo proprio pensato che sarebbe andata così: il giorno dell'uscita della mia guida sulla Bologna del cibo e delle novità, tra riti e atmosfere, sarebbe certamente spuntato in città un nuovo locale. Magari proprio uno di quelli che avrei inserito volentieri tra gli oltre 100 indirizzi pazientemente e amorevolmente selezionati per "La Bologna foodie della Bea". Perché ormai non passa giorno che la scena gastronomica locale non ci regali qualche sorpresa entusiasmante. E insomma, così è stato. Sabato scorso, mentre nelle edicole della città spuntava questo librino fuxia e grigio con un gatto curioso in copertina, in via Mentana finivano di apparecchiare i tavoli per la preview di Jukebox, il bar-bistrò rockissimo, creato da Covo e Osteria dell'Orsa dove un tempo c'era il Banco del Vino. E, sorpresa, in cucina ci ho trovato la dolce Saori col suo ombretto verde acido. 

sabato 9 maggio 2015

"La Bologna foodie", con Bea, Chizu e Tommaso, martedì 12 agli Orti


Mentre io pubblico questa ennesima fantasia di Chizu Kobayashi, la magica creatura che ha illustrato la mia guidina al cibo e a Bologna e al bighellonare soave per le vie di questa città (che poi esce questa mattina in edicola col Carlén!), chissà quante cose nuove stanno già aprendo! E così non mi do pace, mi preparo, prendo la bici e vado. E insomma, chi ne ha voglia, martedì sera io e Chizu siamo allo ScaccoMatto negli Orti di via della Braina con Tommaso Costa, amico e giornalista di Telesanterno che farà un po' di chiacchiere con noi. Credo che essere a presentare il libro in un posto del genere - alla corte di Mario Ferrara- una delle mie hit della scorsa estate di cui ho parlato anche nella guida, sia un piccolo successo. Qui sotto trovate il menu della serata, che se qualcuno poi vuole parlare un po' di più con la gatta certosina Lola, ecco, può farlo.

Menu
Orto (carciofi, spinaci taccole e cipolla)
insalata di mare e terra
pasta, piselli e uovo
hamburger di ricciola e gamberi con pomodoro cotto crudo
zuppa di cioccolato e fragole
Costo 45 euro - vini inclusi
prenotazione obbligatoria 051263404 

venerdì 8 maggio 2015

Un posto speciale per la colazione e i disegni di Chizu

l'avete riconosciuto questo posto qui? Sono sicura che ci avrete fatto colazione, pranzo o merenda un bel po' di volte


Ieri sera mi ero ripromessa di dormire di più questa mattina. Perché le ultime giornate, tra sole ed emozione, non ho avuto scampo e ben due ore prima dei miei doveri ero già in piedi  e pensante. E in generale, non sto nella pelle. 
Mi ero ripromessa di scrivere del libro-guida che uscirà domani - perché la promozione lo richiede- e poi aspettare finalmente questo sabato speciale che lo porterà in edicola, per poi approfondire altre cose e dirvi quando verrà presentato. Però, ieri pomeriggio, quando ho potuto toccarlo con mano, sfogliando finalmente le 160 pagine, mi è venuta una gran voglia di pubblicare almeno un altro disegno di Chizu, perché insomma... come si fa a resistere!?!
Nella guida, oltre a questa tavola qui sopra, ce ne sono ancora tante altre, più di 50. E davvero penso, ogni tanto, che sono stata incredibilmente fortunata a trovare Chizu sul mio cammino. Certe cose succedono anche a Bologna, credeteci. E gustatevi questa colazione con Bea, la gatta Lola e la magia visiva della mia meravigliosa illustratrice Chizu Kobayashi che ha dato un senso bellissimo a tutti i riti, le atmosfere e le persone del cibo che ho voluto raccontarvi.   

La Bologna foodie della Bea 
In giro per la città alla scoperta dei luoghi del cibo con una ragazza bolognese
(QN/Il Resto del Carlino)
160 pagine a colori
formato 15x21
da sabato 9 maggio 2015, nelle edicole di Bologna e provincia a euro 9,90 più il costo del giornale