Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Il Parlor di via Cartoleria, un ristorante nato per durare perché si sta bene

Quanto poco sto scrivendo? Me lo son chiesta io, ma forse ve lo siete chiesto anche voi. In verità è tutto sotto controllo, perché, come diceva qualcuno, less is more. O meglio, meno scrivo e più, quel che scrivo, acquista valore. Che ne pensate? Certo è che in questo momento, di cose ne aprono ancora tantissime in città, ma è anche vero che ne chiudono altrettante. Non penso però, come già ho scritto, che le chiusure siano conseguenti a una mancanza di pubblico: come sappiamo dalle cronache quotidiane, il turismo a Bologna cresce ogni giorno e gli hotel non ce la fanno più. E i ristoranti che vanno son contenti. Quindi il problema è la fragilità dei progetti da una parte e la speculazione dall'altra. Anche non aver saputo leggere la città ha il suo peso, considerando sempre e comunque il centro come l'unica meta possibile, senza mai affacciarsi nelle vie laterali oppure oltre le mura. Quindi è vero, Apranzoconbea al momento è meno storie-recensioni ma consigli più mirati, sco…

Ultimi post

Hao Wei, la cucina cinese gourmet riqualifica una via della Bolognina

Bottega Portici apre oggi pomeriggio: volete fare un giro?

Marketing e territorio: Bottega Modena e la valorizzazione della provincia

I luoghi del cibo che hanno cambiato la faccia di Bologna: 11 indirizzi

Lady Granadilla e la passione per il franchising veg-vegetariano

Bolognina: tutto il nuovo che verrà dal cibo alla musica fino al mercato rinnovato

Ossessioni nordiche, visioni botaniche, cacio e pepe e pizza romana: Pistamentuccia

Il pranzo della domenica, la cucina di Irina e l'accoglienza di Mastrosasso

Il caviale ferrarese, una cuoca collezionista e una fattoria nel bosco: sosta di charme alle Occare

Le 5 fioriste più romantiche di Bologna per far sbocciare San Valentino