Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Appuntamento a Le Ravitò, il ristoro dei ciclisti stilosi in via delle Moline

Quanto è bello vedere realizzate un po' di visioni per le strade della mia Bologna? Ecco, se riprendo questo post del 2014 e spunto le voci che avevo collezionato per lanciare qualche idea di gastrobusiness locale, vedo che la prima era proprio il bar per ciclisti. Ne nascevano ovunque, ma non sotto le Due Torri. Poi è arrivata la Velostazione ai piedi del Pincio, è arrivato il baretto-officina fuori Massarenti, magari altri pit stop su due ruote che non conosco (fatemi sapere!) e poi questo Le Ravitò in via delle Moline, che... come direbbe la Bea... è proprio un bel posticino.

Ultimi post

Nello spazio che fu di Elios nasce Libra: dove la carbonara ha meno calorie di un riso scondito

Passatelli in brodo e tortelloni dell'anno: Ca' di Co' per il pranzo della domenica

Mensa universitaria 2.0: nuove frontiere della gastronomia in città. Ecco Future Food, la nuova Scuderia

Perché Fico potrebbe ispirarci, anche se poi ci andiamo una volta sola

Diario di Ibiza seconda parte: un giro tra fincas e affacci sul mare

Onigiri, bento, noodles e specialità jap locali: arriva Raku di Mayumi Sunagawa

E' arrivato Stix, il regno degli spiedini: ce n'era bisogno?

Un tortellone in corsa o un panino... al Ragù? Il mordi e fuggi di qualità a Bologna

Il bar Tito in Cirenaica sotto il grande bagolaro: è gita sulla via Massarenti!

Il caffè dei ciclisti, caffè filtrato, torte e letture, proprio fuori San Vitale